GIARDINI GALLEGGIANTI

Un giardino galleggiante è una piccola isola artificiale costruita su uno specchio d'acqua dolce per aumentare la superficie di terra coltivabile. Gli Aztechi furono maestri in questo genere di coltivazione: i giardini galleggianti di Xochimilco, i “Chinampas” che sono famosi ancora oggi. I giardini sono piccole isole circondate da canali, dove si trovano alberi da frutta, fiori, piante e vegetali.

Il chinampas erano giardini che galleggiavano sulla superficie dell'acqua del lago, erano importanti per gli Aztechi (o Mexica) perché hanno contribuito a costruire la loro civiltà. Il chinampa è una tecnica di agricoltura mexsoamericana che utilizzava piccole aree rettangolari di terra arabile e fertile per la coltivazione di aree coperte da acqua a basso livello nella Valle del Messico.

Chiamati spesso "giardini galleggianti", i chinampa erano isole artificiali che venivano create puntellando il fondo del basso lago con dei paletti, creando una forma rettangolare. L'area così delimitata veniva poi riempita con fango, sedimenti del lago e vegetazione in decomposizione, portandone il livello oltre a quello del lago. Spesso venivano piantati sugli angoli alberi di salice per rinforzarne la struttura.

I Chinampas erano separati da una rete di canali e fossati che non solo regolavano il livello dell'acqua in modo da bagnare le colture, ma costituivano una facile via di comunicazione tra i campi e i ricchi mercati mediante il passaggio delle canoe.

Nei chinampa si coltivavano mais, fagioli, amaranto, pomodori chili, venivano usati anche per la coltivazione di fiori. Si stima che il cibo proveniente dai chinampa coprisse una cifra compresa tra la metà ed i due terzi del fabbisogno di Tenochtitlán. I chinampa venivano fertilizzati con i sedimenti del lago e con escrementi umani.

Giardino galleggiante sulla Senna

Sulla riva Gauche, ai piedi della Tour Eiffel, un giardino galleggiante orna i nuovi argini della Senna, composto da cinque isole interconnesse, è un luogo unico per passeggiare tra piante e acqua.

Ognuna delle piccole isole ha la sua identità. C'è l'isola centrale, ombreggiata grazie a salici e altri alberi; l'isola prateria, ornata da erbe alte e fiori; l'isola degli uccelli, simile alle isole selvagge che si trovano sulla Senna; l'isola degli orti, ornata da meli decorativi; l'isola delle nebbia, popolata di arbusti e graminacee ornamentali. Su quest'ultima isola sono disponibili delle sedie a sdraio per sedersi ad ammirare il ponte degli Invalides e il Grand Palais.

per aperne di più INFO