La famiglia Rose di Chesterfield

VERDE PARTECIPATO

 

Circa una dozzina di volontari hanno scavato nella sporcizia  sabato 17 settembre  per piantare piante autoctone del  Missouri e riqualificare uno spazio verde davanti alla casa di Erica e Neil Rose, che vivono nel 1900 blocco di Schoettler Valley Drive. I volontari hanno dato il via  al “restyling Missouri” una   sfida sulla riqualificazione di spazi verdi nella città.  I vincitori del Grow Native,  in questo caso la famiglia Rose hanno ricevuto i servizi del Gardening  Jeanne Cablish un  lavoro  da più di 1.500 dollari, sono state impiegate decine di diverse  piante autoctone,  tutto pagato degli organizzatori del concorso.


Il concorso , promuove l'uso di piante autoctone per il giardino,  sponsorizzato da Grow Native!  Shaw Riserva Naturale e la Wild Ones St. Louis,  Sezione  Paesaggi Naturali. Ed Schmidt , presidente di The Wild Ones St. Louis, ha detto che negli ultimi sei anni, il gruppo ha cercato di coinvolgere varie comunità, disposte a promuovere il loro concorso. Il concorso  si occupa della preparazione di uno spazio verde da mantenere per un anno con l’impegno di seguirlo, nell’irrigazione e di mantenerlo libero da erbacce .
"Volevamo sensibilizzare la  città e creare un certo interesse per l'ambiente,  promuovere il  paesaggio sostenibile ", ha detto Schmidt , di Richmond Heights" Chesterfield ha già un Comitato Cittadini per l'Ambiente,  Libbey Malberg – Tucker, assistente amministratore  della città per i servizi  alla comunità e allo sviluppo economico  è stato fantastico e di parola,  sponsor del concorso"


 E’ stata scelta la famiglia Rose, perché  hanno esperienza di giardinaggio,  la loro casa è su una strada trafficata, quindi in una buona posizione per le piante ", ha detto Schmidt . " E il loro cortile era una tabula rasa, quindi facile da riqualificare." Sono state scelte le piante del bosco, che crescono bene in ombra  e le piante della prateria, che prosperano anche senza direttamente il sole, sono stati utilizzati ,un mix di erbe e piante fiorite, inclusi ortensie selvatiche e felci, piante della prateria come l’aster aromatico , Rudbeckia del Missouri e la primula  purpurea .

La famiglia Rose ha collaborato alla realizzazione anche con la figlia Mia di 2 anni e il figlio Jackson di solo 1 anno, che ha seguito come sovrintendente dal marciapiede " .


"Siamo appassionati di giardinaggio , ma il nostro cortile aveva bisogno di un bel lavoro ", ha detto Erica Rose . "Abbiamo voluto questo giardino  così che farfalle, uccelli e altri animali selvatici cha hanno difficoltà a trovare le piante autoctone da cui dipendono per nutrirsi, possano  soddisfare questa esigenza , ed è bello sapere che dopo il primo anno, le piante praticamente si prenderanno  cura di se stesse. "
 


A Neil Rose sembra  incredibile avere delle belle piante, "Prima, avevamo avuto solo erba e roccia come aiuole  nient'altro che rocce" ora elogia  gli sponsor ed i  volontari per aver installato  tutti gli impianti e realizzato in così breve tempo il giardino, tutto questo come trampolini di lancio per attivare un  percorso partecipato attraverso l’uso delle piante autoctone per i giardini.
Per informazioni sulle sfide future , visitare www.stlwildones.org .

TORNA